Netweek      
News
Rispetto per le tradizioni e tanta passione: ecco il segreto della Pro loco di Arcore
13/09/07
'Siamo ospiti degli Alpini: sai, la sede della Pro loco per ora è inagibile, si è allagata con le piogge dei giorni scorsi'.
Non importa. Si respira un'aria familiare nel locale, dove trovi un po' di tutto: cimeli, foto di vecchi combattenti, pentoloni in rame per chissà quali e quante mangiate, un grande tavolo in legno con tovaglia a quadretti e, in un angolo, un piccolo bar (sono Alpini, baby). E poi loro: Antonella, Piero il presidente della Pro loco, Lella, Giulio lo 'speaker' ufficiale delle manifestazioni, Ivan il tecnico tuttofare, Daniela, l'alpino Valerio. Manca Pier, il geometra, a casa perchè infortunato. Una manciata di persone a rappresentare Pro loco, Gruppo Alpini e Protezione civile, uniti come sempre succede nelle grandi occasioni in un'unica e potente macchina organizzatrice.
Tanto entusiasmo e il viso un po' tirato di chi si appresta a sostenere un esame importante e la prova si chiama Fiera di Sant'Eustorgio che, quest'anno, spegnerà le 80 candeline. Tre giorni, dal 15 al 17 settembre, all'insegna del divertimento e della riscoperta delle tradizioni e una grande novità che mobiliterà la cittadinanza per l'intero pomeriggio di domenica 16 settembre. Sto parlando del Palio dei Rioni, che vedrà cimentarsi in prove ardue e giochi dimenticati ben cinque fazioni arcoresi - Arcore Nord, Cascina del Bruno, Bernate e Boschi, Cà e Cà Bianca, Arcore Sud - alla conquista del misterioso stendardo progettato dalla decoratrice locale Anna Redaelli.
Vada come vada, l'infaticabile gruppo organizzativo sa di aver realizzato qualcosa di importante e, nonostante qualche critica e una leggera snobbatura da parte delle istituzioni cittadine, loro vanno avanti. E con successo, ma soprattutto con tanto affetto da parte di chi poi alle feste ci tiene. Come gli anziani arcoresi che, al termine della stagione ricreativa che nei mesi scorsi li ha visti protagonisti presso la tensostruttura, hanno raccolto oltre 500 firme con la richiesta di poter prolungare le iniziative della Pro loco. 'Si era creato un ottimo clima tra gli anziani, che all'interno della tensostruttura potevano ballare, giocare a carte, costruire amicizie. E alla fine della stagione ci sono state lacrime di commozione come alla fine di una bella vacanza. E' stata una esperienza gratificante, siamo stati fortunati', commenta Antonella. Anche se, per me, la fortuna c'entra poco se in un porgetto non ci metti determinazione epassione.
E poi ti chiedi come facciano: feste come quella di Sant'Eustorgio e il Palio costano fatica e soldi. Ok, per la prima ti ripaga l'entusiasmo, ma il discorso economico? 'Ci arrangiamo', rispondono quasi all'unisono Antonella e Valerio. 'Qualche aiuto dal comune e poi tante feste per raccogliere fondi da reinvestire in altrettanti eventi'. Una macchina organizzativa pazzesca, che però ha permesso alla Pro loco di acquistare attrezzature e materiali che alimentano un magazzino a disposizione della altre realtà associative cittadine.
'Vorremmo che la Pro loco diventasse un punto di riferimento importante per Arcore. Il nostro obiettivo è quello di aiutare i residenti, e soprattutto le giovani generazioni, a riscoprire le radici e la cultura locale e, attraverso le nostre iniziative, far sì che anche i nuovi cittadini che verranno possano integrarsi più facilmente'. Feste che alimentano feste, ma siccome i conti li sanno fare bene, rimane sempre qualcosa anche per la solidarietà. 'Noi della Pro loco, grazie anche a Lella che si occupa dela raccolta fondi, sosteniamo la Fondazione Maria Letizia Verga di Monza che si occupa dei bambini oncologici', specifica Antonella. 'Anche noi Alpini non siamo da meno', ribatte Valerio. e continua 'Il ricavato del servizio di ristorazione da noi gestito per tutta la durata della fiera verrà infatti inviato in Brasile presso la missione del sacerdote arcorese Padre Mario Zappa. L'anno scorso, grazie alle nostre feste abbiamo devoluto in beneficenza più di 15mila euro'.
Scusate, ma per ritornare al discorso 'sede', come è possibile che nonostante l'immenso impegno dedicato alla città tutto ciò di cui disponente è un vecchio teatro sotterraneo? 'Abbiamo chiesto un locale nuovo, magari con un telefono...forse, più avanti' rispondono mestamente.
E alla fine è sempre la solita vecchia storia: pochi si impegnano, tanti si divertono e un discreto numero di 'spettatori' storce il naso. 'Poco alla volta, ci vuole pazienza!'. Hai ragione Piero. E non preoccuparti, vedrai che domenica non pioverà.
Per informazioni sulla fiera: www.prolocoarcore.it


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
CROCE ROSSA DI FIANO
Fiano
CF:
Amnesty International Monza
Monza
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY