Netweek      
News
'Cluster bomb': fallisce il tentativo neozelandese di fermare l'uso delle micidiali bombe
22/02/08
Si è conclusa oggi a Wellington, Nuova Zelanda, la conferenza con la quale 500 delegati di 122 Stati e numerosi rappresentanti della società civile e dell’associazionismo hanno tentato, senza riuscirvi, di realizzare una convenzione internazionale per mettere al bando le 'cluster bomb', bombe a grappolo, le mine antiuomo responsabili della morte e delle mutilazioni di civili che vivono in zone di guerra. 'Le bombe a grappolo vengono sganciate dai bombardieri a gruppi di decine di piccoli ordigni attaccati a grappolo dentro un affusto più grande. Quando esplode la bomba madre, i piccoli armamenti si disperdono su di un raggio ampio, risultando più letali per un maggior numero di truppa sparsa (più spesso civili) sul terreno', si legge sul sito www.peacereporter.net (dal quale è stata presa la foto).
La conferenza, che portava avanti il progetto iniziato l'anno scorso col 'Processo di Oslo', non ha permesso di trovare un accordo tra tutti i Paesi partecipanti, in vista dell'appuntamento conclusivo che si terrà a dicembre a Dublino, in Irlanda. Grandi assenti, come era prevedibile, sono stati Cina, Russia, Stati Uniti, Pakistan e Israele, ovvero i maggiori produttori delle 'cluster bomb'.
Sempre sul sito di Peace Reporter si legge che 'Il ministro degli esteri neozelandese che aveva convocato la conferenza ha chiuso riferendo ai delegati che “manca ancora un numero sufficiente di nazioni perché il nostro 'no' a questo tipo di armi sia efficace”.


Vogliamo invece segnalare una importante iniziativa: ieri, alla NoWhere Gallery di Milano (Via della Moscova 15), è stata inaugurata la mostra 'I was a football palyer', che il giovane artista Stefano Lupatini ha realizzato in collaborazione con la 'Campagna italiana contro le mine' www.campagnamine.org, un progetto sviluppato in più fasi che servirà a sostenere la bonifiche delle aree minate in Bosnia Erzegovina.
La mostra resterà aperta fino a domani, dalle 10.30 alle 19.30.


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
AIVIS
Paderno Dugnano
CF: 97504180155
Ass. Danza sportiva Family Dance S.Star
Mariano Comense
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY