Netweek      
News
Il Governo approva un piano per la prevenzione dei disturbi alimentari. E intanto sul web spopolano i siti pro-ana
12/03/08
'...vorrei tanto essere magrissima.. beata te che hai perso 5kg, io ne ho persi 7 in un mese, mi faccio schifo.. aiutami please! io vomito come una cretina e piango altrettanto ma alla fine non concludo niente.. mangio circa 50g di pasta al giorno, ma non cambia niente, sono sempre grassa..per caso conosci qualche sito pro-ana in italiano? magari dove si chatta? ho bisogno di parlare con ragazze come me. grazie.'
Questo è uno dei tanti commenti che si possono leggere su dentroimieisilenzi.blogspot.com, il blog di Princess_Paris che si definisce 'amante della perfezione, dei corpi eterei, inseguo modelli impossibili, ho poca stima di me ma cerco di mascherarla apparendo impeccabile!'
In rete dilagano ormai da diversi anni siti, forum e blog (secondo la stampa nazionale sono più di 300mila) che sostengono a gran voce l'anoressia, anche se le opinioni più diffuse in merito a questi siti pro-ana (pro-anoressia) concordano sul fatto che la rete rappresenta solo il mezzo con cui le persone anoressiche (o bulimiche) possono sfogare il proprio disagio, creando una sorta di comunità in cui farsi coraggio.
Medici specializzati in disturbi alimentari sono convinti della necessità di chiudere tali siti, anche se noi concordiamo con quanto espresso su www.novamag.it 'Chiudere un sito pro-ana è, comunque, una sorta di censura che non guarda in faccia la realtà, ossia una società governata da un marketing che inneggia ai corpi come a degli strumenti da esibire e da portare allo stremo: nella forma fisica, nella sessualità, nella perfezione e nell'eterna giovinezza.
Prendersela con i siti pro-ana, quindi, è un po' come arrabbiarsi con le metastasi senza eliminare il bombardamento di radiazioni alle quali, quotidianamente, donne e uomini sono sottoposti.'
Poche settimane fa, il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS), il Ministero della Salute e le realtà da sempre impegnate nello studio, nella ricerca e nella cura dei Disordini Alimentari hanno dato l'avvio al progetto nazionale 'Le buone pratiche di cura e la prevenzione sociale dei disturbi del comportamento alimentare': tredici soggetti tra centri pubblici e associazioni private si coalizzeranno per raggiungere due importanti obiettitvi, cioè le buone pratiche di cura e la prevenzione sociale.
Tra le associazioni coinvolte troviamo l'ABA www.bulimianoressia.it , Associazione Bulimia Anoressia, l'ente che dal 1991 si occupa di prevenzione, informazione e ricerca nell'ambito dei disordini alimentari.


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Insieme si puo' onlus
Albese con Cassano
CF: 91005010136
Club Amici della Montagna
Busto Arsizio
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY