Netweek      
News
Impronte digitali ai piccoli rom: davvero riusciremo in questo modo a proteggerli?
27/06/08
Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non era rimasto nessuno a protestare.


'In merito alla risposta del Ministro Maroni che afferma di voler 'andare avanti' con la schedatura dei bambini nei campi rom, e chiede se chi protesta sia d'accordo sul fatto che i piccoli rom vivano in mezzo ai topi, l'UNICEF ribadisce che considera inaccettabili le condizioni di vita attuali di molti dei bambini rom in Italia. Ma non si può, per 'proteggere' i bambini, violare i loro diritti fondamentali. Non dobbiamo criminalizzare le vittime. Dobbiamo invece - come lo stesso Ministro ha sottolineato - colpire chi abusa e sfrutta i bambini.'
La dichiarazione, pubblicata sul sito www.unicef.it, giunge dopo le critiche fatte dall'organizzazione che si occupa dei diritti dell'infanzia nei confronti della decisione presa dal Ministero dell'Interno di 'schedare' tutti i bambini rom attraverso la raccolta delle loro impronte digitali.
Contro la scelta del Governo si sono schierati anche i Garanti per l'infanzia, personalità politiche e lo stesso Consiglio europeo. Ieri, in un articolo pubblicato su 'la Repubblica', l'ex presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Amos Luzzato, ha dichiarato: "Prendere i polpastrelli dei piccoli di un certo gruppo etnico significa considerarli ladri congeniti. E' inaccettabile il segno razziale di questa iniziativa."
E, in effetti, perchè non prendere le impronte anche ai piccoli bulli nostrani che danneggiano scuole e luoghi pubblici, alle persone ricche e famose che rubano non pagando le tasse, al pensionato che ruba perchè non arriva alla quarta settimana, al negoziante che non ti fa lo scontrino, ecc.?


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Protezione civile di Albavilla
Albavilla
CF:
Gruppo Botanico Amici del Verde
Monza
CF: 94589920159
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY