Netweek      
News
La prevalenza del giullare
26/01/09
C’era una volta un uomo molto spiritoso.
Collezionava ville lussuose, cactus giganti, fuoriclasse brasiliani e avvisi di garanzia. Viveva in un paese lontano lontano, dove povertà e miseria erano un’invenzione dei pessimisti, i giornalisti erano comunisti, quindi avidi mangiatori di bambini , i magistrati erano rancorosi e sovversivi bolscevichi e le donne erano troppo belle per non correre il rischio di venire stuprate.
Il buon giullare era convinto che “in ogni occasione servisse sempre il senso della leggerezza e dell'umorismo". Era più forte di lui: la battuta scattava in automatico ogni qualvolta gli capitava inavvertitamente di formulare un pensiero compiuto.
L’universo femminile era per il giullare una feconda fonte di ispirazione.
Così, dopo aver esortato Viviana a “fargliela vedere”, suggerito a una giovane precaria dal bel sorriso di farsi sposare da un milionario e aver giurato alla soubrette venezuelana che con lei sarebbe andato ovunque, venne il giorno che, di fronte all’ennesima violenza nei confronti di una donna, gli capitò di affermare che “Bisognerebbe avere tanti soldati quante sono le belle ragazze italiane”.
Così, per sdrammatizzare. Per vedere di nascosto l’effetto che fa.
Non tutti gradirono l’uscita del giullare. Non tutti erano dotati di sense of humor, nel paese lontano lontano.
C’erano alcune persone “oscene”, troppo serie e troppo tristi, con la presunzione di insegnargli a tenersi il cecio in bocca.
Persone poco indulgenti verso un buon giullare simpatico, dotato, povero lui (e poveri noi) di una grandissima menomazione.
Il poveretto non era dotato di immaginazione.
Un handicap forte, il suo, che gli impediva di immaginare il paese reale.
Tra le sue ville, i cactus, i suoi Kakà e i troppi avvisi di garanzia, il povero giullare non solo aveva perso il contatto con la realtà, ma neppure riusciva lontanamente a immaginarsela.
Non vedeva un paese in cui gran parte delle donne era dotata di dignità, intelligenza e capacità.
Un paese in cui ogni donna avrebbe dovuto avere il diritto di sentirsi sicura e protetta, ovunque vivesse, da qualunque famiglia o ceto provenisse.
Un paese in cui la violenza era condannata con fermezza e serietà da tutte le persone dotate di buonsenso.
Perché non su tutto si può usare leggerezza e umorismo.
Il povero giullare visse lo stesso felice e contento, nessuna critica lo scalfiva, nessuna predica lo correggeva.
Solo ogni tanto, di fronte alle battute di qualche “collega” che si prendeva gioco di lui, sbottava, si arrabbiava e si strappava i capelli.
Tanto, anche quelli, poteva ricomprarli.
Come le ville, i cactus e i fuoriclasse brasiliani.


Giulia Cusumano - Tratto da www.articolo21.info


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Associazione Ornicoltori Monzesi
Monza
CF:
Associazione KIRVE' onlus
Desio
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY