Netweek      
News
"Spegni lo spreco": segnala esempi virtuosi per risparmiare risorse
17/04/09
Pubblichiamo volentieri il seguente comunicato.


Solar Chill è un frigorifero fotovoltaico che permette la conservazione di vaccini o di cibo senza fili della luce e centrali elettriche. Nato da un’idea di Greenpeace, è stato realizzato dall’Istituto danese di Tecnologia e alcuni prototipi sono stati testati con successo in Senegal, Indonesia e Cuba. Con una temperatura ambiente superiore ai 32 gradi Celsius, SolarChill ha sempre mantenuto la temperatura interna tra i 2 e gli 8 gradi.
Il Tile Tasuma in Mali è un “fuoco solare” che permette, come dichiarano i promotori, di “salvaguardare l’ambiente ed economizzare denaro”, riducendo l’uso di legna da ardere, come molti altri modelli di cucine solari ormai diffuse in Africa come in Asia e America Latina.
In Benin funziona, senza uso di energia elettrica, un distributore d’acqua a gettone tarato a 35 litri…no, non è una multinazionale a gestirlo, ma un comitato di villaggio che si occupa delle fontanelle rifornite da un nuovo acquedotto; il prezzo del gettone è minimo ma serve a coprire le spese di manutenzione e permette il prelievo 24 ore su 24.
La pompa manuale a tazze “noria”,che funziona anche per pozzi di 50 metri, riprende sotto sembianze moderne un antichissimo metodo di estrazione d’acqua da pozzi ed acquitrini ed è stata elaborata e prodotta in Ciad a partire dal 1980, per poi essere applicata in Camerun, Benin e Burkina Faso.
Acuaclor solar è un apparecchio per potabilizzare l’acqua: un pannello fotovoltaico fornisce l’energia necessaria all’elettrolisi di una soluzione diluita di sale per produrre ipoclorito di sodio: in una giornata di sole si fornisce acqua potabilizzata a 400-800 persone.
In Kenya le lanterne solari sono un’ottima alternativa ai fili della luce (che non ci sono) e alle puzzolenti lampade a kerosene: il pannello fotovoltaico di giorno carica la batteria della lampada, che può anche dare energia a una piccola radio. Eccetera.


Ecco un giro del mondo in mille tecnologie semplici, economiche ed ecologiche, risparmia-risorse e risparmia-fatica, applicabili anche nel Nord del mondo ma finora studiate per quelle zone dove lo scarso accesso ai combustibili fossili o la carenza di infrastrutture rende difficile “conservare alimenti, costruire, cucinare, illuminare, pompare acqua, potabilizzare acqua, produrre energia elettrica, produrre gas, produrre macchinari semplici, purificare l’aria, trattare rifiuti”: sono questi settori per i quali la campagna “Spegni lo spreco…accendi lo sviluppo” (promossa dalle associazioni italiane CO.P.E., Energetica, Oltreilconfine, Tamburi di pace) sta creando una Banca Dati di esperienze sostenibili in giro per il mondo, con nomi, indirizzi, dati essenziali, così da promuovere la collaborazione e lo scambio di buone pratiche fra organizzazioni italiane, europee e del Sud del mondo. Chiunque può segnali esempi al sito www.spegnilospreco.org

“Spegni lo spreco…accendi lo sviluppo” è nata per favorire relazioni Nord-Sud più giuste partendo dall’energia, uno dei nodi dell’ingiustizia e dell’insostenibilità internazionali. Il progetto si avvale anche di una mostra itinerante destinata alle scuole (ma non solo), per promuovere modelli di comportamento e di organizzazione sociale più equi ed ecologici; Questa mostra itinerante è un’innovativa forma di esposizione multimediale – al tempo stesso mostra, video, laboratorio e show. È un’occasione per ragazzi, insegnanti, genitori per capire e agire nell’interdipendenza del Nord e il Sud del Mondo, in particolare riguardo il consumo dell’energia e delle risorse del nostro pianeta.
Tutti possono fare qualcosa di fronte alle enormi e urgenti sfide. La mostra animata può interagire in maniera diversa con ragazzi dai 10 ai 16 anni e può essere posizionata presso una scuola o una sala pubblica e visitata da 20 classi o gruppi ogni settimana. La mostra ha avuto un’ottima accoglienza presso “Fa’ la cosa giusta” a Milano e ha suscitato l’interesse dei numerosissimi visitatori. Tre copie, gestite da sei animatori (nord, centro e sud Italia) saranno a disposizione di istituti scolastici, sale comunali, spazi culturali e associazioni. Infine, il progetto prevede due CONVEGNI INTERNAZIONALI dove rendere visibili le esperienze più interessanti di utilizzo di Tecnologie Appropriate e di Fonti Rinnovabili in progetti di Cooperazione Internazionale. Ospiti del Sud del Mondo ci insegneranno come non servono tecnologie complesse Ma tornando alle tecnologie amiche, a quando la diffusione del mulino solare per cereali, un’ottima alternativa alle macine manuali spaccaschiena e agli inquinanti mulini a diesel? E’ stato sperimentato in Senegal ma costa troppo…finché c’è il diesel?


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI ALBAVILLA
Albavilla
CF: 91012710132
Associazione Comitato per il Palio di Avucat
Caponago
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY