Netweek      
News
Creature immaginarie in aiuto dell'Africa
09/11/06
Abbiamo il Turborano, il Babonzo, gli Scarafaggi riparatutto, il Camullo, il futurcane, il porcospino autostradale: sono questi alcuni dei personaggi che fanno parte dello zoo-museo delle creature immaginarie (Muci), nati dalla fantasia di Altan, Stefano Benni e Pietro Perotti. La mostra, aperta fino al 7 dicembre nello spazio Artandgallery di via Arese 5 a Milano, è in realtà un museo educativo nel quale i bambini e i ragazzi potranno partecipare ad interessanti e divertenti laboratori didattici che stimolano la fantasia e mettono alla prova l'immaginazione.
Il Muci rappresenta però anche un modo per avvicinarsi all'Africa: 'L'Africa che immaginiamo', spazio realizzato dall'African Medical and Research Foundation (A.M.R.E.F.), ricostruisce infatti la storia del continente 'nero' ed invita il pubblico a vedere questa terra da un altro punto di vista.
'Per noi europei il continente africano è sempre stato popolato da creature strane. Eppure oggi sembra aver perso tutta la sua magia e ci appare come una terra lontana, senza storia e senza cultura. Per tornare a conoscere, amare e rispettare l'Africa serve uno scatto di immaginazione'.
I fondi raccolti andranno a sostenere un progetto a favore delle comunità masai di Namanga e Mashuri, duramente colpite dalla siccità.


Tratto da www.amref.it


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Auser Brianza
Muggiò
CF: 94535050150
Compagnia teatrale I poco stabili
Cantù
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY