Netweek      
News
Tante emozioni al 52° Trofeo Vanoni
27/10/09
Difficile pensare che una manifestazione sportiva, dopo più di mezzo secolo di vita, possa ancora proporre qualcosa di nuovo ed emozionare i cuori come fosse la prima volta? Non al Trofeo Vanoni, dove l’amore per la corsa in montagna è vivo, travolgente e passionale. Non è un’esagerazione, bisogna partecipare a questa gara da leggenda, come atleti o come spettatori, per capire il senso di queste parole e per capire come l’impegno delle centinaia di volontari coinvolti, capeggiati dal G.S. CSI Morbegno, possa realizzare uno spettacolo unico nel suo genere, uno spettacolo dove l’impegno, il sudore, la fatica, la gioia e le delusioni degli atleti si mischiano all’entusiasmo, al calore e al coinvolgimento del pubblico.
Chi domenica 25 ottobre era a Morbegno ha vissuto tutto questo, godendo dello spettacolo di gare agguerrite ed emozionanti, in cui l’esito è stato incerto fino all’ultimo. Alla fine è stata l’Atletica Valli Bergamasche ad esaltarsi e commuoversi dopo il traguardo, dopo 25 anni dall’ultimo successo conquistato.
Il presidente Privato Pezzoli, che il Vanoni l’ha vinto come atleta nel 1983 e nel 1984, ha stretto a sé Massimiliano Zanaboni, Andrea Regazzoni e Mauro Lanfranchi ed ha esultato con loro per questa vittoria che corona un’annata memorabile. Onore ai bergamaschi, ma chapeau agli amici francesi che fino all’ultimo hanno tentato di conquistare un successo che già lo scorso anno li aveva beffati. Ci ha creduto, più di tutti, il campione transalpino Julien Rancon che, partito con uno svantaggio di 1’13”, ha lottato con tutte le sue forze, correndo con il miglior tempo di giornata (29’31”), ma dovendo comunque arrendersi per 20”.
Alle spalle delle battistrada, si parla più straniero che italiano: un’altra squadra bergamasca, La Recastello Radici Group, è salita sul gradino più basso del podio, seguita dalla Polonia e dalla Gran Bretagna. Nella top ten si inseriscono anche l’Atletica Vallecamonica, l’A.S. Falchi Lecco, il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati, l’ADM Melavì Ponte e il G.S. Orobie. Proprio la sfida casalinga tra i diavoli rossi e gli atleti di Bruno Gianatti ha animato ulteriormente la gara: alla fine sono stati i bianco-rossi a spuntarla per 16” grazie alle ottime prestazioni di Giovanni Tacchini, Stefano Sansi e Marco Leoni.


Il 26° Vanoni femminile è stato vinto invece da Mariagrazia Roberti, la forte campionessa del G.S. Forestale che ha chiuso a Morbegno una stagione da incorniciare. Dopo il bronzo ai mondiali di corsa in montagna, la Roberti ha posto per la quarta volta il suo sigillo sul Vanoni femminile, prima atleta a conquistare un poker di vittorie, facendo registrare pure il suo primato personale con il tempo di 22’46”. Incontenibile la sua gioia al traguardo dopo aver condotto una gara tutta in testa. Si pensi che Marigrazia vinse il Vanoni per la prima volta nel 1996 e, dopo 13 anni, ha ancora la classe cristallina e la forza fisica per vincere e migliorarsi. Un esempio unico di costanza, impegno e passione per la corsa in montagna.
Alle sue spalle a lungo la polacca Mariola Konowalska che solo alla fine è stata ripresa da Cristina Scolari (Atletica Vallecamonica). Appena giù dal podio, come lo scorso anno, la campionessa italiana promesse e stella del G.S. Valgerola Ciapparelli (Alice Gaggi); a chiudere la top five, Ilaria Bianchi(Atletica Vallecamonica).


Le gare giovanile del 32° Minivanoni hanno subito acceso l’entusiasmo dell’intensa giornata sportiva morbegnese con gli occhi puntati sulla sfida societaria tra G.P. Valchiavenna Liquigas e G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati per la conquista definitiva del Trofeo “Mons. Danieli”, assegnato infine alla prima. Ben 250 al via che si sono dati battaglia su circuiti di varie lunghezze, in base alla categoria, che per i più grandi ricalca i primi tratti del Trofeo Vanoni.


Buona partecipazione a questa prima edizione del Criterium internazionale under 23, l’innovativa proposta del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati per valorizzare i campioni di domani. Si sono imposti, su un lotto di 40 partecipanti, Alice Gaggi (G.S. Valgerola Ciapparelli) e Alex Baldaccini (G.S. Orobie), due giovani promesse della corsa in montagna italiana.
Tutte le classifiche su www.gscsimorbegno.org

Le foto sono di Sergio Rocca www.pizzoscalino.it e Mauro Rossini: partenza 52° Trofeo Vanoni; Maria Grazia Roberti; podio Trofeo Vanoni; podio Vanoni femminile; prima staffetta valtellinese; vincitori Minivanoni.


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
BRIANZA CULTURA
Lurago d'Erba
CF: 97447660156
Faresalute
Merate
CF: CF 03231780135
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY