Netweek      
News
A Natale donare nonostante la crisi? No: donare proprio perché c’è la crisi
03/12/12
Riceviamo da www.istitutoitalianodonazione.it e pubblichiamo.


Nel gennaio 2013 si terrà la nona rilevazione semestrale dell’indagine “L’andamento delle raccolte fondi nel terzo settore: stime 2012 e proiezioni 2013” realizzata dall’Osservatorio di sostegno al Non Profit sociale dell’Istituto Italiano della Donazione (IID).


L'obiettivo dell’indagine sarà ancora una volta quello di definire l'andamento delle raccolte fondi e delle entrate delle Organizzazioni Non Profit (ONP) per approfondire il comportamento delle varie fonti di finanziamento quali privati, aziende, fondazioni e pubblica amministrazione, che sostengono il non profit: il loro apporto nel 2012 è diminuito, è aumentato o è rimasto invariato? Quali sono le previsioni per il 2013?


I dati raccolti nel gennaio 2012 dalla stessa rilevazione, su un campione di circa 200 Organizzazioni Non Profit - statisticamente non rappresentativo ma significativo dell’intero Terzo Settore italiano - presentavano un quadro, non propriamente positivo, sulle raccolte fondi da privati nel periodo natalizio 2011.


Le ONP intervistate registravano un calo molto significativo delle proprie raccolte fondi da privati (cittadini e imprese): rispetto al 2010 infatti aumentavano di quasi un terzo (27%) le ONP che avevano sofferto nella raccolta fondi natalizia 2011.


Le previsioni sul 2012 sembravano delineare un miglioramento sull’intero anno, era infatti il 39% degli intervistati che dichiarava di sperare in un miglioramento sul 2012. Purtroppo però dai risultati dell’ottava edizione dell’indagine, condotta nel luglio del 2012, è emerso che nel primo semestre del 2012 le ONP che hanno stimato di aver raccolto di più dai privati sono solo il 14%, contro un 39% che dichiara di stimare un peggioramento delle stesse.


Tra le cause della crisi maggiormente sentite primeggia la difficoltà a reperire nuovi donatori in un clima di concorrenza sempre più forte tra ONP che trattano gli stessi temi.


E cosa accadrà con il Natale ormai alle porte?
“Le ONP sono consapevoli che la crisi si è abbattuta con forza su tutti i livelli della società - commenta Edoardo Patriarca, Presidente dell’Istituto Italiano della Donazione - influenzando le abitudini del donare cittadino privato, come delle aziende. Nonostante questo va sottolineato che sono sempre i cittadini che, con la loro generosità, continuano a sostenere il non profit. È importante però ricordare che il singolo non apre il proprio portafoglio per sostenere un settore non profit astratto: tutti noi, anzi, ognuno di noi lo fa donando all’associazione di cui si fida, che ben conosce e apprezza, il cui lavoro tocca con mano o perché si riflette nel proprio territorio o perché, invece, più distante da noi, aiuta gente in grande difficoltà, in modo trasparente e professionale. Ognuno di noi deve ricordarsi di donare in occasione di questo Natale non “nonostante” la crisi ma “proprio perché” c’è la crisi, perché ciò che il Natale rappresenta non sia solo vuoto buonismo. È questo quello di cui hanno bisogno le Organizzazioni Non Profit meritevoli. Non lasciamo che, anche questo Natale, il Non Profit paghi colpe non sue. I dati purtroppo negativi riportati nelle nostre indagini sono innegabili e, purtroppo, prevedibili. L’Osservatorio di sostegno al Non Profit sociale dell’Istituto Italiano della Donazione continuerà il proprio lavoro anche nel 2013 ma è impossibile aspettarsi un’inversione netta di tendenza nel breve periodo. Ci tengo però a sottolineare che i donatori fedeli reggono, nonostante abbiano meno denaro da dedicare alle associazioni sostenute: è dunque sempre di più il fattore fiducia, coltivato attraverso un serio investimento in trasparenza e rendicontazione, a fare la differenza.”


Torna indietroCommenta l'articolo
 
 
Ricerca associazioni
Per provincia
Per comune
Per categoria
Per Nome



Cerchi
A


In vetrina
Felixlandia
Cantù
CF:
Associazione Nazionale Alpini Casnate con Bernate
Casnate con Bernate
CF:
Dmedia Group Spa Soc. Unipersonale Corso Vittorio Emanuele II, 15 20122 Milano C.F. e P.IVA 13428550159 Società del GRUPPO DMAIL GROUP S.p.A. - Milano Codice fiscale e Registro Imprese 12925460151

TERMINI E CONDIZIONI | PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY